pasta al ragù alternativo

Pasta al ragù cucinata in modo alternativo

by permalink

Cucina

La pasta al ragù di carne è tradizionalmente una ricetta che si adatta in particolare alle tagliatelle e alle lasagna. Si tratta di una ricetta tra le più tipiche della cucina italiana e riconosciuta, e anche imitata, in tutto il mondo. La versione classica esiste già di per sé in due versioni: abbiamo da una parte la ricetta napoletana che prevede l’utilizzo di carne in pezzi, e dall’altra quella bolognese che prevede l’utilizzo di carne macinata sia di manzo che di maiale, in parte minore. Sempre più spesso, però, accanto alle ricette tradizionali iniziano a diffondersi delle varianti come le versioni vegetariane o quelle che prevedono l’utilizzo del pesce. Vediamo alcune delle ricette più gustose per preparare un ragù da leccarsi i baffi.

Il ragù bianco

Si tratta di una ricetta in cui non viene utilizzato il sugo, questa pietanza, tipica della Campania, ma utilizzata anche in altre regioni, si caratterizza per un gusto spiccato e per la semplicità della realizzazione. Si inizia con preparare un soffritto a base di carota, sedano, cipolla e con l’aggiunta di pancetta, per dare maggiore gusto alla preparazione. Dopo aver fatto rosolare un po’ si aggiunge il macinato di carne, meglio se misto di manzo e maiale, mentre a metà cottura si può sfumare con un po’ di vino bianco. La cottura è lenta e richiede circa due ore per una preparazione e un gusto ottimali.

Un’altra versione di ragù senza sugo è quella che vede l’impiego della carne macinata di coniglio al posto del classico misto manzo e maiale. Il ragù bianco è caratterizzato da un sapore molto più delicato rispetto alla versione con sugo, per questo motivo, l’abbinamento con il gusto leggero del coniglio è proprio indicato. Per sfumare la carne si può optare sempre per del vino bianco e per insaporire si può aggiungere lentamente del brodo vegetale durante la cottura.

Il ragù alla Cavour

Questa particolare ricetta, cucinata tipicamente in Piemonte, prende il nome da Camillo Benso, Conte di Cavour, e dal suo amore per la buona cucina. Questa versione di ragù prevede di sostituire il macinato tradizionale con delle rigaglie di pollo e in particolare con i fegatini. Invece di sfumare la ricetta utilizzando il classico vino bianco, inoltre, viene impiegato un bicchiere di marsala e un po’ di brandy.

Il ragù di verdure

Un’alternativa fra le più gettonate per preparare una pasta al ragù alternativo è quella di eliminare del tutto la carne per sostituirla con le verdure. Questa ricetta è particolarmente indicata quando sono a disposizione verdure fresche di stagione, che rendono il piatto molto più gustoso e naturale. Questa preparazione permette di preparare un piatto leggero ma al contempo gustoso, si possono utilizzare carote, zucchine, pomodori e peperoni tagliate a dadini, che vengono poi cotte a fuoco lento per una quarantina di minuti. In alternativa e a seconda dei gusti, anche la zucca si presta bene a questa ricetta.

Il ragù di pesce

Un’altra preparazione veloce è quella del ragù di pesce, che proprio come per le verdure, richiede un tempo di cottura minore rispetto al tradizionale ragù di carne. Per un perfetto e gustoso ragù di pesce si può utilizzare un abbinamento di seppie e calamari, ma anche i gamberi e il persico si prestano bene a questo genere di ricetta. La cosa importante per questa ricetta, così come per tutte le preparazioni a base di pesce, è di scegliere degli ingredienti freschi. Il ragù di pesce è un piatto gustoso che si può preparare realizzando un brodo a base di verdure in cui si possono aggiungere gli scarti del pesce per insaporire la ricetta, questo brodo, insieme al vino bianco serviranno a sfumare il pesce e a farlo cuocere per il tempo necessario, all’incirca quaranta minuti. Per guarnire il piatto si può utilizzare del prezzemolo tritato.

Una seconda versione del ragù di pesce può essere ottenuta realizzando un sugo a base di moscardini, in questo caso la preparazione sarà ancora più rapida, i moscardini infatti necessitano di una cottura rapida, perché una troppo lunga li farebbe diventare duri. In questo caso oltre al prezzemolo si può aggiungere un po’ di peperoncino per rendere il piatto più gustoso.